Il saggio di Natale ha esordito con un canto musicato dalla Prof.ssa Monica Lenti su testo di Gianni Rodari.

La filastrocca "Il calamaio” mette in evidenza l’importanza della scrittura come mezzo per esprimere le proprie idee: ecco che allora anche un materiale nero come l’inchiostro diventa un tesoro nascosto all’interno del calamaio.
In questo modo, nel contesto natalizio, la scuola assume un ruolo di grande importanza perché le parole dei canti esprimono idee di pace, amore, fratellanza, valori profondi che i ragazzi interpretano e assimilano anche grazie alla musica.